Nuova vita per il pilastro

15.11.2020

Non tutte le ciambelle escono con il buco.. così vale anche per le case, non tutte nascono perfette: soprattutto se ci si imbatte nella ristrutturazione di una vecchia casa, l'inghippo è dietro l'angolo o meglio dietro il pilastro. 

Quel pilastro che si trova proprio al centro della stanza, quello portante che non si può demolire in alcun modo, ne risentirebbe la struttura dell'intera casa, quella colonna così scomoda che ti impedisce di ricreare l'open space dei tuoi sogni. 

Cosa fare con questi elementi? Come renderlo un componente degli arredi, perfettamente inserito nella casa e non più un errore da nascondere?

Le soluzioni a cui ci si può ispirare sono molteplici e per tutti i gusti, basta cercare e scegliere quella più in linea con il proprio stile e le proprie necessità. 

Partiamo dall'inizio: pilastro o colonna che sia sono delle strutture portanti, purtroppo non possono essere né spostate né eliminate, come detto ne va della stabilità della casa. In alcuni casi assumono anche un ruolo: possono infatti essere un "contenitore" di impianti o tubature di scarico. 

Non c'è dunque alternativa che escogitare una soluzione per integrarli con il resto della casa. 

Soluzioni per rivestire il pilastro o colonna

La prima idea, forse anche la più semplice e comune da realizzare, è quella di rivestire l'elemento. Le alternative non mancano: si può optare per un rivestimento in pietra, con piastrelle ( sperando nel buon gusto del proprietario di casa), con degli specchi che darebbero un effetto di ampliamento della stanza, con una pittura a lavagna, se si vuole dargli non solo una funzione integrante la casa ma renderlo interattivo. 

Questi sono solo alcuni degli esempi di rivestimento possibile, in commercio si possono trovare numerose soluzioni sul genere. 

Un pilastro, una libreria

Un secondo suggerimento ideale e funzionale è quello di renderlo un elemento a giorno: aggiungendogli, per esempio, delle comode mensole in legno o metallo, irregolari e sfalsate tra loro. Una soluzione più razionale e pratica è progettare una struttura in cartongesso che prolunghi le dimensioni del pilastro per creare la struttura di una vera e propria libreria. Sempre dello stesso genere è giocare con delle mensole a sbalzo, tenute in squadra da dei fili di ferro appesi al soffitto. 

Anche in questo caso, con un po' di fantasia e curiosità, si possono scoprire differenti soluzioni, che più si addicono al resto della casa. 

Un pilastro nell'arredo

Quel pilastro è proprio posizionato dove vorresti mettere i divani o la cucina? Non temere, la soluzione c'è! 

Progetta il tuo spazio soggiorno o cucina attorno al pilastro, potrebbe diventare un comodo elemento per sorregge il mobile della televisione, o per accogliere un camino. Potrebbe  delimitare l'area dell'isola della cucina, o fungere da separazione tra la zona di preparazione del cibo e quella di consumazione, senza alcun elemento di separazione aggiuntivo. 

Riflettori sul pilastro

Ultima soluzione , che va in senso contrario alle precedenti, è quella di metterlo in risalto. Quale metodo più efficace se non illuminarlo? Con la giusta luce può assumere tutt'altro aspetto, sia l'elemento stesso che la stanza in cui si trova. Una corretta illuminazione accentuerebbe la sua verticalità e snellezza. Giocando con forme e luci differenti assumerebbe un'aspetto scenografico come se la sua posizione fosse stata volutamente scelta e non casuale. 

Ogni pilastro ha una soluzione più adatta, devi solo scoprire qual è e adottarla. 

Non esiste un unico sistema e metodo per mascherarlo,  perché molto dipende dall'ambiente in cui si trova, dallo stile, dalla luce dell'interno e dal modo in cui sarà arredato.

In ogni caso, un pilastro può essere mascherato il 99% delle volte.