Come organizzare un ripostiglio

29.08.2021

In quasi tutte le case vi è uno spazio dedicato al famigerato ripostiglio, locale in cui vengono stipati prodotti per le pulizie, utensili vari, scorte di vario genere e natura. C'è chi ha la fortuna di averlo di dimensioni generose e chi si accontenta di pochi metri quadri per poter nascondere e riporre questo o quell'altro oggetto che proprio non può restare in vista. 

Come organizzare lo spazio del ripostiglio?

Per organizzarlo al meglio è bene partire dalla corretta scelta del mobilio e degli elementi contenitori, sfruttando ed ottimizzando, in modo intelligente, ogni centimetro disponibile.

Scaffali

Naturalmente l'elemento che più si addice ad un ripostiglio è lo scaffale, grazie alla sua praticità e comodità di utilizzo e di installazione permette di sfruttare lo spazio in modo efficiente. Oltre a cercare la praticità è bene dare spazio anche al lato estetico di questo elemento: anche se non lo si vede il gusto e lo stile deve essere al centro del vostro mantra. 

Ciò che mi permetto di consigliare è di scegliere scaffali dalle linee pulite e semplici, dallo stile minimal in acciaio o in ferro e legno, pratici e facili da spostare per eventuali pulizie primaverili. Inoltre l'utilizzo di acciaio e legno, trattato, sono materiali idonei a tale scopo per la facilità di pulizia , per la resistenza all'umidita e per la durata nel tempo. 

Mensole in cartongesso e vani

Un'alternativa al classico scaffale è la realizzazione di vani e mensole in cartongesso, strutture quindi stabili e fisse, ma ottimali se si vuole personalizzare il proprio ripostiglio secondo le necessità. Il vantaggio delle mensole è quello di poter sfruttare l'intera altezza del locale e lasciando maggior respiro e spazio di movimento al centro della stanza. 

Contenitori

Una volta scelta la tipologia e la posizione di scaffalatura e mensole che più si addice ai vostri bisogni, è giunto il momento di sistemare gli oggetti. Molti sono i contenitori adatti a questo scopo, la scelta è solo vostra e della funzione che ne attribuite. Per esempio se si tratta di un ripostiglio-dispensa è bene conservare i cibi in barattoli di vetro ermetici e trasparenti, possibilmente etichettati per preservare le proprietà nutritive. Se si tratta di un vero e proprio ripostiglio-magazzino ottime sono le scatole in cartone o plastica, chiuse da coperchio ed etichettate per avere sempre sott'occhio il loro contenuto. Qui potete sbizzarrirvi, in commercio ve ne sono di infinite forme, tipologie, colori e fantasie, tutto dipende dal gusto personale 

Trucchi e consigli

  • sfruttare l'altezza è fondamentale per ricavare spazio in aggiunta, recuperare centimetri in altezza permetterà di avere maggior spazio di manovra;
  • organizzare e riporre gli oggetti a seconda del loro utilizzo. Suddividere lo spazio del ripostiglio a seconda della funzione di ogni elemento permetterà di avere sempre ordine al suo interno. Ulteriore divisione e organizzazione è porre gli oggetti meno utilizzati in alto, mentre quelli di uso quotidiano a portata di sguardo.
  • Se il ripostiglio funge anche da dispensa separate in modo netto le due funzioni.
  • Porre attenzione alla luce. Spesso questi locali sono poco illuminati, ma un buon progetto di illuminazione è fondamentale per avere una visione chiara di cosa cercate. Ottime sono le lampade a muro o i faretti ad incasso, che risulteranno pratici e non porteranno via spazio ad eventuali scaffali aggiuntivi.