1.5 Gli spazi dell'abitare: lo studio

13.09.2020

La casa è il nostro rifugio, ma spesso sorge la necessità di ricreare uno spazio tranquillo e confortevole dove poter lavorare, studiare o semplicemente leggere un buon libro.

Ma come si può allestire uno studio in casa? Quali sono gli elementi essenziali e necessari? Occorre avere una stanza dedicata o basta un angolo in soggiorno? 

Sette trucchi da tenere in considerazione quando si vuole realizzare uno studio 

1_Scegliere la stanza 

Se hai la fortuna di avere una stanza indipendente da destinare a questa funzione, con gli arredi giusti, la giusta illuminazione e qualche piccolo tocco personale, trasformarla in studio sarà un gioco da ragazzi. Più difficile, ma non impossibile, è ricavare una zona studio, raccolta e funzionale in un piccolo appartamento o in un angolo del soggiorno, della camera da letto o addirittura sfruttando lo spazio del sottoscala. 

@pinterest
@pinterest

2_ Illuminazione

Il consiglio è trovare la giusta illuminazione alla stanza, non solo con grandi lampade a parete o in centro stanza, ma anche servendosi di lampade da tavolo. Il consiglio è di scegliere delle luci che possano essere regolate senza avere mai luce diretta sul pc.

@pinterest
@pinterest

3_Spazio

Lavorare richiede spazio, quindi è opportuno scegliere la giusta combinazione di arredi.

Qualunque sia lo spazio a disposizione, lo studio è un luogo di concentrazione, è necessario ricercare i giusti arredi che siano funzionali, confortevoli e che permettano di lavorare nella maniera più comoda possibile. Se lo spazio a disposizione è un angolo del soggiorno, non demordere, con la giusta combinazione di elementi e tecniche salva spazio potrai ottenere grandi risultati.

@pinterest
@pinterest

4_Organizzazione e Comfort

I protagonisti indiscussi sono la scrivania, la poltrona, la libreria.

A seconda dello spazio a disposizione la scrivania può essere più o meno grande, l'importante è che permetta di lavorare in maniera confortevole e permetta di accogliere non solo il pc ma anche tutto il materiale necessario. Di scrivanie ne esiste delle più svariate forme e dimensioni, si ha solo l'imbarazzo della scelta. La poltrona ha un ruolo importante nell'arredare lo studio, rappresenta il punto di maggior relax. Coda degli elementi essenziali dell'arredo sono le librerie o mensole, devono essere capienti, e sfruttare al massimo lo spazio a disposizione ed essere a portata di mano. 

@pinterest
@pinterest
@pinterest
@pinterest

6_ Colore

tema ampiamente discusso e cardine di tutte le stanze è il colore. La scelta del colore deve rispecchiare, non solo l'ambiente in cui è inserito, ma anche la tipologia di lavoro e funzione che deve svolgere. Se l'utilizzo dello studio è puramente personale puoi dare sfogo ai gusti personali, se invece deve accogliere possibili clienti o pazienti, occorre valutare con cura come dipingere le pareti, che non vadano in contrasto con l'idea di accoglienza e ordine. Spesso viene prediletto il bianco e i colori pastello e luminosi, evitando i colori accesi o troppo scuri. 

@pinterest
@pinterest

7_ Creatività

è necessario rendere l'attività di lavoro il più creativo possibile. Personalizzare cioè l'arredamento con uno stile che sia in linea con i proprio gusti. Cercando soluzioni avvincenti e soddisfacenti che ti invoglino al lavoro ma che allo stesso tempo siano confortevoli. Gioca con il contrasto di colori, forme, luci e materiali. Scegli degli arredi di contrasto, come tappeti o poltrone o magari dei cuscini colorati che rallegrino l'ambiente.

@pinterest
@pinterest
@pinterest
@pinterest